Spaccio e Farina, gemellaggio di gusto e solidarietà

Spaccio e Farina, gemellaggio di gusto e solidarietà

La pizzeria di San Patrignano ospite il 24 febbraio del locale pesarese, per la serata quattro pizze speciali

Dopo il successo dello scorso anno, Sp.accio, la pizzeria di San Patrignano, ritorna a Pesaro. Mercoledì 24 febbraio la pizzeria Farina dedicherà un’intera serata ai ragazzi della Comunità riminese realizzando due farciture speciali e donando a San Patrignano parte degli incassi dell’iniziativa.

Per San Patrignano un modo per farsi conoscere in un territorio poco lontano da casa, per Farina un’occasione per offrire ai suoi clienti una serata diversa comunque molto gustosa. “Siamo molto entusiasti e felici di poter ospitare nuovamente i ragazzi di San Patrignano. Quest’anno ufficializziamo un’amicizia che ha come valori comuni quello della dedizione, della ricerca e delle storie buone – sottolinea Paolo Severi, titolare del Farina -. Della serata dell’anno scorso ricordo l’entusiasmo, la cura nei dettagli e lo stile dei ragazzi di San Patrignano. Lo staff di Farina ne è uscito più carico. Questo conferma come nella pizzeria e nella ristorazione non ci sono ricette segrete ma quella di avere cura, costanza, disciplina e desiderio di fare il meglio in ogni dettaglio. Se poi queste capacità vengono condivise si creano serate e amicizie bellissime”.

In tale serata infatti Sp.accio sarà presente con i suoi tre pizzaioli, un cuoco e tre camerieri che al fianco dei pizzaioli e del personale di Farina potranno spiegare ai clienti i segreti delle pizze che verranno presentate e raccontare la Comunità che tra l’altro in questi giorni è impegnata nell’annuale campagna di raccolta fondi tramite sms solidale. “Fermami prima” e 45507, rispettivamente slogan della campagna e numero attraverso cui donare, ricorreranno infatti anche come nomi delle pizze proposte da Sp.accio.

Il menù vedrà la possibilità di scegliere fra due pizze di Sp.accio e due di Farina. I ragazzi di San Patrignano ne proporranno una, “Fermami prima” a impasto classico con ventaglio di melanzane, zucchine, radicchio Trevigiano, pomodorini gialli, pomodoro San Marzano, cipolla di Tropea e fior di latte, mentre la seconda “45507” sarà a base di impasto al grano spezzato con zucca al forno, gorgonzola, granella di pancetta affumicata e fior di latte.

Farina invece proporrà la prima pizza chiamata “Storie buone”, composta da una base di mozzarella con pecorino fresco di San Patrignano, dei filetti di San Marzano gratinati, cicoria saltata e porchetta. La seconda chiamata “Bandiera blu” è una focaccia con un topping tutto “fuori forno” con squacquerone San Patrignano, cicoria saltata in padella, sgombro sott'olio, confettura di cipolla, germogli di rafano e maionese homemade.

A conclusione una “pizza dolce”, un impasto a lunga lievitazione guarnito con crema pasticciera e crema alla nocciola.

«Con questo secondo appuntamento si consolida la collaborazione con Farina – spiega Giuseppe Morgese, responsabile della pizzeria Sp.accio – una pizzeria che condivide con noi la stessa ricerca di qualità. Inoltre, per i nostri ragazzi sarà un banco di prova impegnativo. Lavoreranno al fianco di altri pizzaioli e vivranno un interessante confronto. Misurarsi con una clientela diversa è sempre una sfida, ancor più per dei ragazzi che si sono appena lasciati alle spalle situazioni di tossicodipendenza ed emarginazione».

La serata inizierà alle 20.30 con una breve presentazione della comunità ed avrà un costo di 25 euro a persona, che comprenderà una pizza a scelta tra le quattro, un calice di vino o un calice di birra artigianale del territorio e il dolce. Parte dell’incasso della serata verrà devoluto ai ragazzi della Comunità.

Per Info e prenotazioni 0721 580451

L’ufficio stampa

0541-362111